Projcet Loon network connection

Project Loon Official website http://www.google.com/loon/

Di Nicolò Teglia- Tra le tante idee del colosso americano Google, il re dei motori di ricerca on-line o come ad alcuni piace chiamarlo ‘BigG’.. dei molti progetti portati avanti in gran segreto a Mountain View: dagli avveniristici Google Glass al social network Google+ ( Non ne faremo presto a meno ?!) siamo rimasti sorpresi dal progetto che ingegneri e sviluppatori informatici stanno coordinando ormai da mesi per realizzare un’idea che porterà la globalizzazione negli angoli più remoti del Pianeta, dando accesso alla rete tramite l’utilizzo di mongolfiere-satellite!!E’ stato ribattezzato Project Loon ed è iniziato a Giugno 2013 all’altezza del 40° Parallelo sud dove i primi palloni test sono decollati. Si tratta di Palloni aerostatici del diametro di 15 metri, ultra tecnologici, alimentati da pannelli solari ed equipaggiati con la tecnologia necessaria per la trasmissione e ricezione dei dati che insieme creano un ‘Google ring’, che a 20 km di altezza, vedrebbe transitare i palloni nella stratosfera da Ovest a Est dando così origine ad una nuova ed economica reta internet-connessa! Sempre in volo e costantemente on-line la per connettere al web circa 5 o 6 miliardi di possibili nuovi utenti sparsi nel Mondo.Potreste immaginare per un attimo di non poter accedere alla vostra casella mail dell’ufficio o al vostro profilo facebook, da pc, tablet o smartphone?! Secondo Google solo una persona su tre a questo Mondo disporrebbe di internet e servizi on-line senza problemi, quindi, quando vi lamentate della connessione lenta sappiate che già dovreste ritenervi fortunati, perché qualcuno è rimasto ben addietro alle nostre possibilità. ( Rumorosi ricordi del modem a 56k che affiorano ?! ). La stima più drastica, per gli ultimi della lista, si aggira su una connessione disponibile ogni mille abitanti, ma quando le proporzioni crescono sino ad arrivare all’ off-line, lì nasce l’ambizione e la speranza da parte di Google & co. di dare IP e Ping a chi ancora non ne ha . I primi giudizi, però non hanno tardato ad arrivare e tra chi discute di innovazione, genio e amore per la scienza…altri vedono nel cuore del progetto solo il ‘vil denaro’ come motore della ‘filantropica impresa’. ‘Mountain View’ lato suo, chiama in causa tutti gli innumerevoli vantaggi che il web porterebbe a quelle latitudini: supporto medico on-line, informazione in tempo reale, dati meteo più consistenti senza dimenticare di sottolineare come un’apertura ad un tale bacino di utenza darebbe la possibilità di raddoppiare la crescita dei singoli business online sparsi su tutto il Globo (Chi non vorrebbe veder crescere il traffico sul proprio sito ?!) …e non gli si può certo negare che in tutto questo tempo, l’azienda leader dell’advertising online non abbia mai fatto mistero di come la quasi totalità dei suoi introiti derivi appunto dalla pubblicità sul motore di ricerca e servizi ad esso collegato, in gran parte per l’utente finale, gratuiti. Con queste premesse sareste ancora così titubanti?!

Ecco il video:

Se siete ancora scettici invece…e non credete senza aver prima toccato con mano allora non vi resta che chiedere direttamente a Google di prendere parte al Project Loon e compilare la form da questo link, per richiedere di partecipare ai test di connessione (immagine sotto)… E una volta on-line con uno dei tanti tool disponibili http://testmy.net/, controllare la velocità di connessione ( Non dimenticatevi di lasciare prima un commento sul nostro blog però se dovesse funzionare !!)

Screenshot della form di registrazione ai test del Project Loon

Dal sito ufficiale del progetto http://www.google.com/loon/ potete chiedere a Google di parteicpare tra i tester.

In rete c’è comunque chi già ne sottolinea i limiti, elencando i possibili imprevisti e le problematiche di cui non si è fatto ancora alcun riferimento ( traffico aerospaziale, tematiche ambientali, ma soprattutto.. politica ) . Chissà in quanti, però nel lontano 1782 avranno mosso obiezioni ai fratelli Mongolfier durante i loro test di volo nei dintorni di Avignone ( la storia narra che lo scetticismo dei presenti al lancio di prova fu uno degli ostacoli più duri da superare per i due inventori )… Oggi la scienza e la cultura hanno fatto, certamente, passi avanti e a noi la curiosità di vedere come andrà finire, senza alcuna riserva, resta!!! Se volete approfondire la questione vi segnaliamo di seguito alcuni link utili. Altrimenti lasciate un commento e segnalateci articoli, news o contenuti che possano essere d’aiuto!

Per approfondire…

Loon project Website

C’è chi dice no

ashtag Twitter #ProjectLoon ; @Zwick_Italia